DONNA AFRICA

Posted on marzo 15, 2012. Filed under: Arte | Tag:, , , , , , |

Questa è una mostra giornalisticamente datata ma, sapendo che da almeno 2 anni è itinerante sul territorio nazionale, la considero come una Rassegna Globale che di certo avrà toccato molte più realtà di quante io possa immaginarne. Perdonate, anche questa volta, il contesto un po’ ecclesiastico ma l’importante credo sia davvero il contenuto.

 

Annunci
Leggi l'articolo intero | Make a Comment ( None so far )

Della materia dei Blog #5

Posted on marzo 8, 2009. Filed under: Della Materia dei Blog | Tag:, , , , , |

La verità è che noi abbiamo qualcosa in più. Nel bene e nel male. Vivere la vita, qualsiasi cosa questo significhi (lavorare, pensare, discutere, costruire) impegna le nostre risorse a 360°. Non conosco nessuna donna che sia lavoratrice e basta, madre e basta, volontaria e basta, casalinga e basta, studentessa e basta. Siamo tutte, contemporaneamente, queste cose anche qualcuna in più. Perché dopo il lavoro, c’è sempre la casa da mandare avanti e magari anche qualche passione da non dimenticare. O perché oltre ai bimbi, rimangono le amiche, i libri e l’Associazione TalDeiTali. Siamo tutto, in una sola volta. Tutto per tutti.

Mentre gli uomini stanno nel guado della semplicità, che spesso si trasforma in una noiosa banalità. O, ancora peggio, non si trasforma in nulla, bloccati come sono dai loro schemi emotivi dove il dovere o l’orgoglio contano più dell’amore. Portare a casa i soldi. Ogni tanto farti un regalo. Ogni tanto prestarti una spalla. Ogni tanto sparecchiare la tavola, o spostare i calzini puzzolenti. Ogni tanto accontentarti. Ma poi, dentro di loro, che vita si costruiscono? Hanno tutte le alternative interiori che abbiamo noi? Quante frontiere innalzano che noi neppure abbiamo?

Ci evolviamo continuamente: bruchi e farfalle, bruchi e farfalle, un susseguirsi spontaneo di energie così forti e complicate che nessun uomo capirà mai.

Ogni tanto ci sfiorate, cari signori.

Ogni tanto pensate di capire. Ma tenete in pugno quella conoscenza per… quanto? qualche giorno? Troppo difficile farlo per tutta la vita. Troppo impegnativo sforzarsi così tanto. Troppo deprimente avere ogni minuto di fronte la prova di come si possa essere completi e intelligenti senza rinunciare di essere liberi di sentire, amare ed emozionarsi.

Tanto tempo fa Kate Bush, in una delle mie canzoni preferite, si augurava di poter “salire quella collina e fare un patto con Dio per scambiarsi i ruoli” tra uomo e donna, per capire quanto sia difficile (o facile) stare l’uno nei panni dell’altro.

Leggi l'articolo intero | Make a Comment ( None so far )

LE DORMIENTI DI SHINKO OKUHARA

Posted on novembre 29, 2008. Filed under: Arte | Tag:, , , , |

shinko

<!– /* Style Definitions */ p.MsoNormal, li.MsoNormal, div.MsoNormal {mso-style-parent:””; margin:0cm; margin-bottom:.0001pt; mso-pagination:widow-orphan; font-size:12.0pt; font-family:”Times New Roman”; mso-fareast-font-family:”Times New Roman”;} @page Section1 {size:612.0pt 792.0pt; margin:70.85pt 2.0cm 2.0cm 2.0cm; mso-header-margin:36.0pt; mso-footer-margin:36.0pt; mso-paper-source:0;} div.Section1 {page:Section1;} –>
/* Style Definitions */
table.MsoNormalTable
{mso-style-name:”Tabella normale”;
mso-tstyle-rowband-size:0;
mso-tstyle-colband-size:0;
mso-style-noshow:yes;
mso-style-parent:””;
mso-padding-alt:0cm 5.4pt 0cm 5.4pt;
mso-para-margin:0cm;
mso-para-margin-bottom:.0001pt;
mso-pagination:widow-orphan;
font-size:10.0pt;
font-family:”Times New Roman”;}

“Sono certa ti farebbe davvero bene semplicemente giacere a terra, in qualsiasi posto, e guardare all’insù”

Azzerare se stesse superando i non luoghi delle città, chiudendo gli occhi, buttandosi a terra. E rinascere, solo per un po’, in mezzo alla vita di tutti i giorni. C’è chi ha catturato su tela questa sensazione. Il suo nome è Shinko Okuhara.

Ha 35 anni questa artista giapponese che, per la prima volta sulla scena artistica italiana, espone i suoi lavori alla Galleria Atlantica di Vicenza (fino a domani).

Il suo è uno stile inusuale che approfondisce sia l’energia dell’individuo, quella che viene da dentro, positiva, sia l’energia esterna, quella che viene da fuori, il terrore che si cela nella vita quotidiana e li mischia impastando colori e carta su enormi tele.

Nella serie “Sleeping Figure”, Okuhara rappresenta donne sdraiate all’aria aperta in un contesto di scene urbane, dai parchi alle autostrade. Le sue donne sono indifese, vulnerabili, sembrano essere cadute in un sonno profondo mentre osservano il cielo grigio della città. Le combinazioni dei colori complementari simboleggiano la confusione femminile, mentre il collage le fa sembrare qualcuno, eppure mai nessuno in particolare. L’artista ha infatti ritagliato riviste, annunci e altri contributi dalla montagna di carta dei mass-media, ricontestualizzandoli per creare i suoi personaggi.

<!– /* Style Definitions */ p.MsoNormal, li.MsoNormal, div.MsoNormal {mso-style-parent:””; margin:0cm; margin-bottom:.0001pt; mso-pagination:widow-orphan; font-size:12.0pt; font-family:”Times New Roman”; mso-fareast-font-family:”Times New Roman”;} @page Section1 {size:612.0pt 792.0pt; margin:70.85pt 2.0cm 2.0cm 2.0cm; mso-header-margin:36.0pt; mso-footer-margin:36.0pt; mso-paper-source:0;} div.Section1 {page:Section1;} –>
/* Style Definitions */
table.MsoNormalTable
{mso-style-name:”Tabella normale”;
mso-tstyle-rowband-size:0;
mso-tstyle-colband-size:0;
mso-style-noshow:yes;
mso-style-parent:””;
mso-padding-alt:0cm 5.4pt 0cm 5.4pt;
mso-para-margin:0cm;
mso-para-margin-bottom:.0001pt;
mso-pagination:widow-orphan;
font-size:10.0pt;
font-family:”Times New Roman”;}

Sembrano tutte un po’ cyborg queste donne: piene di vita, eppure vuote, in cui non si capisce dove stia davvero il caos, se dentro o fuori di loro. E intanto il mondo, in silenzio, aspetta di essere riattivato

Leggi l'articolo intero | Make a Comment ( None so far )

Le matite colorate

Posted on febbraio 27, 2008. Filed under: Artisti | Tag:, , , , |

Solo donne. Solo bravissime. Solo molto colorate. E molto internazionali. Sono loro le “matite” che hanno riempito di illustrazioni decine di fogli di questa mostra itinerante che è partita da Napoli mesi fa e ora è approdata a Venezia.

Purtroppo parte delle mostra era male illuminata e non è stato possibile riprenderla con interezza.

Particolare interessante dell’esposizione è che ogni illustrazione era dotata di una piccola didascalia in cui venivano elencati sia l’autrice, sia il personaggio femminile rappresentato. Dettaglio non trascurabile dal momento che decine di illustratrici hanno disegnato decine di donne importanti e tutte diverse tra loro e… beh.. le donne che hanno fatto la storia sono veramente tante!!!  

Leggi l'articolo intero | Make a Comment ( None so far )

Liked it here?
Why not try sites on the blogroll...